Boris the Barbarian
  • L’uomo Stocastico

    L’uomo Stocastico (The Stochastic Man | 1975) di Robert Silverberg Anteprima testo 1 Siamo venuti al mondo accidentalmente in…

    L’uomo Stocastico
  • La Città Labirinto

    La Città Labirinto (The Man in the Maze | 1969) di Robert Silverberg Anteprima testo Da nove anni Muller…

    La Città Labirinto
  • Gilgamesh

    Gilgamesh (Gilgamesh the King | 1984 | aka Gilgamesh) di Robert Silverberg ROBERT SILVERBERG E LA HYSTORICAL FANTASY Silverberg…

    Gilgamesh

Boris the Barbarian

,

Boris the Barbarian è un film Fantasy realizzato senza scopo di lucro e distribuito in streaming suddiviso in sette brevi puntate. È stato diretto da Augusto Chiarle, il quale, con pochissimi mezzi, ha dato vita a una parodia davvero divertente.

La trama non lesina colpi di scena e gode di una forte carica di ironia. Salmon il guerriero salva il viandante Zadok, braccato da un sicario; nel farlo purtroppo uccide il sicario, l’unico ad essere a conoscenza della sorte toccata a Nathan il profeta, il misteriosamente scomparso fratello di Boris il barbaro. Ora Boris non sa più come fare a ritrovare il congiunto, così, dato che è troppo impegnato a conquistare il mondo, incarica di occuparsene proprio Salmon e Zadok…

Inutile dire che il corto è amatoriale e risente della povertà di mezzi; i costumi sono economici e gli effetti speciali sono modesti: il computer viene utilizzato per creare ambienti, dar vita a piccole magie e clonare i soldati dell’armata di Boris. La recitazione è convincente ma accusa cadenze dialettali. Le scene di combattimento accennano qualche raffinatezza tecnica, probabilmente gli attori hanno qualche nozione di scherma antica. La colonna sonora è apprezzabile, di gusto progressive, appositamente creata da The Wimshurst’Machine.

Il vero punto di forza della miniserie sono le battute e le gag demenziali. Consapevole di non poter competere con film fantasy sostenuti da budget più consistenti, Augusto Chiarle sceglie l’arma dell’umorismo, della parodia. Ciascun episodio presenta situazioni tipiche del genere, e tutte prendono in giro stereotipi radicati nell’immaginario. Il flashback di Zadok amanuense improvvisato nell’abbazia di Frate Williams Pera, a imitazione dei film muti, è un vero spasso.

Il personaggio di Boris il barbaro, che dà il titolo alla serie, compare in poche sequenze e sembra la caricatura di un wrestler. Il capitano delle guardie è ottuso come i carabinieri delle barzellette, il Mago di Magonza è un truffatore che spilla soldi con il gioco della pallina sotto i tre bicchieri. Nathan il Profeta è il fratello di Boris, ed è stato perso durante una partita di nascondino. Una galleria di personaggi stralunati, insomma, che farà passare un’ora di divertimento disimpegnato.

Il video

http://www.vimeo.com/21884590