I Cavalieri del Tempo (Black Projects, White Knights, Kage Baker)
  • L’uomo Stocastico

    L’uomo Stocastico (The Stochastic Man | 1975) di Robert Silverberg Anteprima testo 1 Siamo venuti al mondo accidentalmente in…

    L’uomo Stocastico
  • La Città Labirinto

    La Città Labirinto (The Man in the Maze | 1969) di Robert Silverberg Anteprima testo Da nove anni Muller…

    La Città Labirinto
  • Gilgamesh

    Gilgamesh (Gilgamesh the King | 1984 | aka Gilgamesh) di Robert Silverberg ROBERT SILVERBERG E LA HYSTORICAL FANTASY Silverberg…

    Gilgamesh

I Cavalieri del Tempo

,

Anteprima testo

INTRODUZIONE

I segugi di Zeus
(Introduction: The Hound of Zeus, 2002)

Siete in piedi a un angolo della strada in una delle più grandi città del mondo, e guardate un certo edificio. Dovete essere stato molto furbo per essere riuscito ad arrivare fin qui. Migliaia di persone passano in questa via ogni giorno, e a malapena notano la banale facciata che voi state fissando; ma non sanno quello che sapete voi.

Voi sapete che non dovreste fissare. E allora, con tutta l’indifferenza possibile, riprendete a camminare, sobbalzando alla vostra stessa immagine riflessa che sembra guardarvi spaventata dalle vetrine dei negozi. Nervoso? Non siete affatto nervoso, non è vero? Non entrerete dalla porta principale, naturalmente. Avete visto l’uomo vestito di stracci seduto sui gradini d’ingresso, che sorrideva e dondolava la testa. Non dovrebbe esservi nulla di più evidente di un uomo che indossi un completo nero e degli occhiali da sole. Non per sorvegliare ciò per cui siete venuto…

Incrocio successivo: proprio dietro l’angolo trovate la piccola, sporca tavola calda. Avete pagato un sacco di denaro per conoscere il nome di questo locale dall’aria poco promettente, ma è proprio come vi è stato descritto. Respirate profondamente ed entrate. Vi sedete, e quando il cameriere si avvicina, dite quello che vi è stato detto di rispondere:

– Vorrei qualcosa di rosa, con delle lenticchie dentro.

Lui annuisce, vi rivolge un rapido sorriso e si allontana. Vi fate forza, vi guardate attorno per vedere se i controllori della salute pubblica con i loro fucili a gas siano già lì per dar fuoco alla cucina. Nessuno, ma state già sudando quando il cameriere torna con un bicchiere di acqua ghiacciata e… sì… un piatto di qualcosa di rosa, con dentro delle lenticchie.

Prendete esattamente tre sorsi di acqua, mangiate tre cucchiaiate di quella cosa rosa, non avete idea di che cosa si tratti, e poi, come vi è stato detto, vi alzate e vi dirigete alla toilette che si trova in fondo a uno stretto corridoio laterale.

Oltre la porta c’è il cameriere. Senza una parola appoggia il palmo della mano in un certo punto della parete, e anche se sapete che cosa sta per succedere, ciò nonostante sobbalzate quando vedete aprirsi un passaggio, che scivola lentamente nell’esistenza fuori da quella che sembrava una superficie solida. Oltre la porta c’è un cubicolo di acciaio. Entrate, il pannello si chiude alle vostre spalle e all’improvviso state scendendo molto in giù, molto velocemente. Siete in gioco.

Avete penetrato con successo le difese della Dr. Zeus Inc.

Vi abbracciate forte, in parte per consolarvi, in parte per tenere il contenuto del vostro stomaco al suo posto. Dr. Zeus Inc., conosciuta anche come Jovian Integrated Sistem, e anche come Kronos Diversified Stock Company! E voi sapete che ha avuto altri nomi, anche molto più antichi. Avete ascoltato tutte le voci: di come sia una fratellanza segreta formata da scienziati e uomini d’affari, la fratellanza segreta della quale tutte le altre cosiddette fratellanze sono soltanto dei diversivi. I suoi membri governano il mondo. Hanno un potere illimitato. Sono capaci di viaggiare attraverso il tempo. Hanno trovato la pietra filosofale e l’elisir della vita eterna.

Soprattutto l’elisir della vita eterna.

Voi non siete qui per rubarlo, comunque. Sapete che nessuna somma per quanto alta potrà portarvi fin nel sancta sanctorum, neppure se voi foste la persona più ricca al mondo.

Tutto ciò che state cercando lì è una prova.

Quando le porte dell’ascensore si aprono, siete tranquillo e pronto. Entrate rapidamente in una oscurità profonda e priva di forma, le mani tese davanti a voi. Contate i passi: quindici, sedici, diciassette… voltare! Tre passi a sinistra. Le vostre mani affannate incontrano uno scaffale di qualcosa, piccoli oggetti piatti ammassati da un’estremità all’altra. Ne afferrate uno e ve lo infilate rapidamente in tasca. Vi girate, ripercorrete i vostri passi con uno sforzo meticoloso e vi accasciate tremante nella cabina di acciaio, che subito comincia a salire con voi. Quando le porte si riaprono, benché restiate momentaneamente accecato dalla luce gialla del corridoio in penombra, vi siete ripreso abbastanza da superare il cameriere con un rapido cenno del capo. Lasciate il vostro disco di credito sul tavolo mentre ve ne andate. Non ne avrete più bisogno, non dopo oggi.

Il resto del viaggio è un’immagine sfuocata, fino a quando non chiudete a chiave la porta della vostra camera d’albergo e non tirate fuori il vostro trofeo.

È un minuscolo disco dorato in una custodia di plastica trasparente. Potrebbe essere un disco di credito, o una moneta corrente di una terra sconosciuta… E lo è, in un certo senso, non è vero? Ridacchiate tra voi mentre vi sedete e fate scivolare il dischetto nel Buke. Guardate il proiettore che si dispiega per voi; un raggio bianco sgorga dal suo cuore e poi l’aria immediatamente davanti a voi si riempie di un’opacità tremolante e bluverde, sulla quale appaiono delle lettere bianche.

A differenza della maggior parte dei vostri contemporanei del XXIV secolo, voi sapete leggere. Le persone molto intelligenti ma di basso status sociale diventano impiegati addetti all’inserimento dei dati. È un lavoro di merda, ma ora non lo dovrete fare più, grazie a quello che avete rubato oggi. A proposito, la parola che state fissando è DOSSIER.

La parola svanisce e vi viene offerto un menù. Ci sono almeno una dozzina di voci, e voi trattenete il fiato mentre puntate sulla prima e la richiamate con un movimento dell’occhio. Non avete mai guardato una divinità in faccia in vita vostra.

La voce, obbediente, si ingrandisce, si mette a fuoco, e voi vi sentite piuttosto deluso.

L’uomo davanti a voi ha un aspetto così ordinario, così banale, che potrebbe passare per un membro di quasi qualsiasi gruppo etnico in…

I Cavalieri del Tempo - Copertina

Tit. originale: Black Projects, White Knights

Anno: 2002

Autore: Kage Baker

Ciclo: La Compagnia del Tempo

Edizione: Mondadori (anno 1995) Collana “Urania Jumbo” #27

Traduttore: Cecilia Scerbanenco

Pagine: 378

Dalla copertina | I lettori di “Urania” hanno salutato il ciclo della Compagnia come la più appassionante serie di viaggi nel tempo degli Anni 2000. Questo volume contiene quattordici nuove avventure: casi-limite in cui gli agenti cyborg e i mutanti dovranno eseguire gli oscuri progetti della potente multinazionale che manipola il destino di miliardi di uomini. Quali sono le origini del possente Alec Checkerfield, l’uomo geneticamente potenziato? Come affrontare le fazioni rivali? Le risposte a queste e ad altre inquietanti domande in un libro che parla di mondi lontani, ma che riflette senza ambiguità sul nostro tormentato presente.