Il Cervello Verde, di Frank Herbert
  • L’uomo Stocastico

    L’uomo Stocastico (The Stochastic Man | 1975) di Robert Silverberg Anteprima testo 1 Siamo venuti al mondo accidentalmente in…

    L’uomo Stocastico
  • La Città Labirinto

    La Città Labirinto (The Man in the Maze | 1969) di Robert Silverberg Anteprima testo Da nove anni Muller…

    La Città Labirinto
  • Gilgamesh

    Gilgamesh (Gilgamesh the King | 1984 | aka Gilgamesh) di Robert Silverberg ROBERT SILVERBERG E LA HYSTORICAL FANTASY Silverberg…

    Gilgamesh

Il Cervello Verde

,

Anteprima testo

CAPITOLO PRIMO

Sembrava il figlio bastardo di un indio Guarani e di qualche contadina dell’altopiano sertao che avesse cercato di dimenticare la schiavitù del sistema encomendero, «mangiando il ferro», che nel loro linguaggio significava amoreggiare attraverso le sbarre di un cancello.

Reggeva il suo personaggio in modo perfetto, salvo quando, attraversando le più estese radure della giungla, allentava il controllo su se stesso.

Allora la sua pelle tendeva ad assumere delle sfumature verdi che lo confondevano con lo sfondo di foglie e piante rampicanti, tanto da dare un effetto spettrale alla camicia grigia, ai pantaloni laceri, all’immancabile cappello di paglia sfilacciato e ai sandali di cuoio grezzo con suole ricavate da vecchi copertoni.

Questi cedimenti si facevano sempre meno frequenti man mano che si allontanava dalle sorgenti del Paranà, il retroterra sertao di Goyaz, abitato in prevalenza da uomini come lui, con capelli neri con frangia e lummosi occhi scuri.

Nel momento in cui raggiunse il villaggio bandeirante, aveva acquisito un controllo quasi completo sull’effetto delle sue trasformazioni camaleon-tiche.

Ora era fuori della fitta vegetazione e imboccava i sentieri battuti di terra rossa che si snodavano attorno ai piccoli appezzamenti di terreno della nuova colonizzazione. A modo suo sapeva che stava per avvicinarsi a un posto di controllo bandeirante e con un gesto quasi umano toccò la cedula de graicias al sacar, il certificato di razza bianca infilato con cura sotto la camicia. Di tanto in tanto, quando gli esseri umani erano ancora lontani, si esercitava a pronunciare ad alta voce il nome che si era scelto: Antonio Raposo Tavares.

La sua voce risuonava leggermente stridula, con toni discordanti, ma sapeva che non avrebbe destato sospetti. Gli era già accaduto. Gli indios Goyaz erano famosi per le strane inflessioni della loro parlata. Anche i contadini che gli avevano offerto un tetto e del cibo la notte precedente, parlavano allo stesso modo. Quando le loro domande si erano fatte più insistenti, si era accovacciato sui gradini di una delle loro abitazioni e aveva suo-nato il qena, il flauto degli indiani delle Ande, che portava sempre con sé dentro una sacca di pelle. Suonare il flauto era un gesto simbolico della regione. Quando un Guarani avvicinava il flauto al naso e cominciava a suo-nare, voleva dire che la conversazione era finita. I contadini, alzando le spalle, si erano allontanati.

Camminando con una certa pesantezza e controllando attentamente le ar-ticolazioni delle gambe, si era trascinato nei pressi di una zona fittamente abitata. Poteva scorgere in lontananza le cime rosso scuro dei tetti e le ve-trate scintillanti di una torre bandeirante con macchine volanti che atterra-vano e decollavano. La scena faceva stranamente pensare a un alveare.

Per un attimo si sentì sopraffatto dagli istinti che sapeva di dover padro-neggiare. Quegli istinti avrebbero potuto impedirgli di superare la dura prova che lo attendeva. Si scostò dal sentiero battuto per non incrociare esseri umani e ripassò mentalmente le regole che garantivano la sua vera identità. I suoi pensieri scavarono nel più profondo del suo essere: Siamo schiavi verdi soggetti alla grande totalità.

Riprese la strada in direzione del posto di controllo bandeirante. Ora aveva assunto un’aria servile che lo aiutava a difendersi dagli sguardi fissi degli umani che gli passavano accanto. La sua specie conosceva molte caratteristiche del comportamento umano e aveva ben presto imparato che il servilismo era un ottimo camuffamento.

In quel momento il sentiero battuto lasciava il posto a una strada asfalta-ta a due corsie, ai lati della quale scorrevano stretti marciapiedi costruiti sopra i fossati. A sua volta questa strada, curvando, si immetteva in un’au-tostrada a quattro carreggiate dove persino i marciapiedi erano asfaltati.

Qui le macchine terrestri e le macchine volanti erano più numerose e il flusso del traffico pedonale era aumentato.

Fino a quel momento non aveva attirato l’attenzione dei passanti. Poteva tranquillamente ignorare le occasionali occhiatine degli indigeni, mentre non si sarebbe lasciato sfuggire gli sguardi penetranti. Solo quelli infatti avrebbero rappresentato un pericolo; ma fino ad allora non ne aveva capta-ti. L’aria servile gli faceva da scudo.

Il sole era già alto e il calore del giorno cominciava a scendere sulla terra, sollevando dai rifiuti, sparsi ai lati del sentiero, un’umidità fetida che si mescolava agli odori della traspirazione degli umani che lo circondavano.

C’era una tale acidità nell’aria, che improvvisamente si trovò a pensare con nostalgia ai profumi a lui familiari del retroterra di Goyaz. E oltre agli odori della pianura c’era qualcosa nell’aria che lo riempiva di un impercettibile senso di angoscia. Era qui dove si concentravano maggiormente i veleni per insetti.

Ora gli umani erano tutti attorno a lui, vicini e incalzanti, costretti ad a-vanzare sempre più lentamente man mano che si avvicinavano all’ingorgo del posto di controllo.

Il movimento in avanti si arrestò.

Ora l’avanzata non era altro che un trascinarsi e fermarsi, un trascinarsi e fermarsi…

Era giunto il momento della grande prova, che ormai nessuno poteva evitare. Rimase in attesa, con la pazienza tipica di un indio. A causa del caldo soffocante, il suo respiro si era fatto più profondo. Ne regolò il ritmo con quello degli umani intorno a lui per potersi armonizzare con loro. Gli indios delle Ande non respiravano profondamente qui nelle pianure.

Si trascinava e si fermava.

Si trascinava e si fermava.

Ora poteva vedere il posto di controllo.

Severi e meticolosi bandeirantes, avvolti in mantelli bianchi con elmetti, guanti e stivali in materiale sintetico, erano allineati in doppia fila all’ombra di un camminamento di mattoni che conduceva alla città. Poteva scorgere la luce accecante del sole che illuminava la strada oltre il passaggio interno, dove la gente si precipitava una volta superata la grande prova.

La vista di quella zona libera oltre il muro suscitò in lui un’intensa in-quietudine, che riuscì istantaneamente a dominare. Non era il momento di lasciarsi turbare. Ogni parte di sé doveva stare all’erta per nascondere qualsiasi moto di sofferenza.

Si trascinò e …si trovò tra le mani del primo bandeirante: un tipo alto e biondo, dalla carnagione rosea e gli occhi azzurri.

«Va’ avanti! Alla svelta!» disse.

Una mano inguantata lo condusse verso due bandeirantes ritti sul lato destro della fila.

«Nome?» chiese una voce alle sue spalle.

«Antonio Raposo Tavares», rispose con voce stridula.

«Distretto?»

«Goyaz.»

«Gli devi riservare un trattamento speciale», fece il biondo gigante.

«Viene sicuramente dalla regione interna.»

Ora si trovava nelle mani dei due bandeirantes. Uno gli infilava una maschera sul viso e l’altro un sacco di plastica addosso. Dal sacco pendeva un tubo che andava a congiungersi con un’apparecchiatura posta nella strada oltre il corridoio.

«Doppia scarica!» fece uno dei bandeirantes.

Un’esalazione di gas blu gonfiò il sacco: sopraffatto dalla angosciosa necessità di aria pura, tirò un profondo e affannoso respiro attraverso la maschera.

Agonia!

Il gas gli attraversò ogni parte del corpo, provocandogli profonde fitte di dolore.

Non dobbiamo cedere, pensò, dobbiamo tenere duro.

Ma era un dolore lancinante che lo stava uccidendo. Ogni fibra del suo corpo stava per cedere.

«Adesso basta», fece il bandeirante che reggeva il sacco.

Gli sfilarono il sacco e la maschera, quindi lo sospinsero giù per il corridoio, verso la luce del sole.

«Su, alla svelta! Non ostacolare il passaggio!»

Gli era rimasto addosso l’odore del gas velenoso. Era una prova che non si aspettava. Non l’avevano preparato a quel veleno; era pronto ad affrontare le radiazioni, le vibrazioni soniche e i vecchi prodotti chimici… ma non il gas velenoso.

Come uscì nella strada, la luce del sole lo investì. Svoltò a sinistra e percorse un vicolo fiancheggiato da bancarelle di frutta dove grassi mercanti contrattavano coi clienti o se ne stavano in attesa con aria vigile dietro le loro mercanzie.

Sembrava che la frutta gli facesse cenni allettanti, promettendo rifugio ad alcune parti del suo corpo, ma il suo subconscio conosceva la vacuità di quel pensiero. Facendo appello alle poche forze che gli rimanevano, scan-sò un gruppetto di compratori e avanzò fra le bancarelle.

«Vuoi comprare arance fresche?» Una mano scura e untuosa gli avvicinò due arance al viso. «Arance fresche giunte dalla campagna, mai state a contatto di un insetto.»

Cercò di evitare la mano, ma l’odore delle arance era irresistibile.

Allontanatosi dalle bancarelle, svoltò in un’angusta strada laterale al termine della quale vide in lontananza, alla sua sinistra, l’allettante vegetazione dell’aperta campagna, la…

Il Cervello Verde - Copertina

Tit. originale: The Green Brain

Anno: 1966

Autore: Frank Herbert

Edizione: Longanesi (anno 1976), collana “Fantapocket” #7

Traduttore: Ines Bellei

Pagine: 182

Dalla copertina | In un mondo sovrappopolato, che cercava spazio vitale nella giungla, l’Organizzazione Ecologica Internazionale sterminava sistematicamente dei voraci insetti che rendevano inospitali quelle zone. Uomini come Joao Martinho e i suoi aiutanti usavano bombole schiumogene mortali e nuove armi a vibrazione per ripulire l’inferno verde del Mato Grosso. Ma, per ragioni sconosciute, le aree già disinfestate completamente incominciarono a essere di nuovo assalite dagli insetti malgrado le impenetrabili barriere. Dalla giungla si sentirono strane storie… insetti divenuti enormi… creature dalle sembianze umane, ma i cui occhi avevano quel particolare scintillio degli insetti.